ALTRUISTI PER NATURA

Sviluppare un senso di empatia e comprensione è fondamentale nei rapporti umani ed in questo momento ce n’è particolarmente bisogno.  

Articolo di Julie Saetre 

Quando la pandemia ha cambiato il mondo nel marzo del 2020, i soci della famiglia Kiwanis sono entrati in azione, trovando modi diversi per accorrere in aiuto ai primi soccorritori, alle persone isolate a causa del COVID-19 o ad esso vulnerabili, e a coloro che si sono improvvisamente trovati in condizioni estreme, senza cibo, riparo e rifornimenti. Fondamentalmente hanno fatto quello che fanno sempre i soci della famiglia Kiwanis: dimostrare empatia.

dottor James R. Doty

«La definizione di empatia è il riconoscere la sofferenza dell’altro seguito dal desiderio di attivarsi per alleviare quella sofferenza», spiega il dottor James R. Doty, professore clinico di neurologia, nonché fondatore e direttore del Centro di Ricerca ed Educazione sulla Comprensione e l’Empatia (CCARE) presso l’Università di Stanford, in California.

Al di fuori dell’universo Kiwanis, tuttavia, il comportamento umano nel 2020 è stato molto meno rassicurante. Siamo stati testimoni di coraggio e altruismo in prima linea e dietro le quinte della pandemia, ma abbiamo anche visto atteggiamenti eclatanti di accumulo di cibo e provviste, violazione delle norme sanitarie e la gara a dare la colpa agli altri. Tutto questo è andato ad aggiungersi ad una situazione e ad un’atmosfera politica nazionale e globale asfissianti.  In simili condizioni, non è stato sempre facile trovare compassione.

«La gente era spaventata, ansiosa», dice Doty. «In molti si sono sentiti minacciati e, di conseguenza, invece di essere più aperti, inclusivi, premurosi e gentili, in realtà hanno fatto l’opposto».

Una rapida occhiata a quel che si legge sulla maggior parte dei social media è sufficiente a far perdere la speranza di poter accorciare le distanze e risolvere le divisioni sociali. Per fortuna, la compassione e l’empatia appartengono alla natura umana e chi li studia dice che possiamo coltivarli per creare un mondo più buono.

Thupten Jinpa

«La compassione, come valore umano fondamentale, è stata riconosciuta migliaia di anni fa», afferma Thupten Jinpa, presidente dell’Istituto per la Compassione di Half Moon Bay, in California, e principale traduttore in inglese del Dalai Lama dal 1985. «Ecco perché è alla base di tutti gli insegnamenti in tutte le religioni».

Gioca un ruolo di primo piano per la sopravvivenza umana. A differenza di altre specie, che allevano la prole per un periodo di settimane o mesi, gli esseri umani nutrono e crescono i figli per quasi due decenni, idealmente formando forti legami e sviluppando importanti abilità sociali. Essere genitori implica una quantità infinita di pazienza, resistenza e sacrificio, per anni. Allo stesso tempo è spesso descritta come un’esperienza molto gratificante.

«Quando ci prendiamo cura di un altra persona, nel nostro cervello viene rilasciato un neurotrasmettitore, o ormone, chiamato ossitocina», spiega Doty. «Molte persone lo definiscono l’ormone dell’affetto e dell’empatia». Quando viene rilasciato, coinvolge i centri del benessere e del piacere nel cervello. È molto importante per la nostra sopravvivenza».

Quando scegliamo l’empatia, i risultati vanno ben oltre il migliorare la vita degli altri. Ci rende più sani e più felici.

«La scienza dimostra che avere empatia verso gli altri ha effetti benefici sulla propria fisiologia», dice Doty. «Migliorano la pressione sanguigna e la funzione cardiaca. Il sistema immunitario si rinforza, il livello di ormoni dello stress diminuisce ed anche la produzione di proteine infiammatorie. Come sappiamo, queste condizioni di salute sono associate a malattie croniche. Quando siamo compassionevoli e altruisti, gli effetti positivi si diramano in tutto il corpo, a beneficio della fisiologia periferica e del cervello».


Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...