FIERE MAMME KIWANIANE

Vogliamo onorare le mamme del Kiwanis, il cui altruismo e passione per il volontariato hanno fornito esempio, per tutta la vita, ai propri figli.  Riportiamo la storia di sette famiglie dalle isole Guadeloupe, agli Stati Uniti, al Giappone, i cui legami sono diventati ancora più forti facendo volontariato insieme.


«Mio padre, anche lui kiwaniano, è mancato nel 2006. C’erano molti kiwaniani al funerale, e hanno parlato di lui. Sono rimasta senza parole quando ho sentito a quante opere di service mio padre e mia madre avevano partecipato. È stato in quel momento che ho deciso anch’io di diventare socia del club. Volevo anche aiutare madre perché casa nostra era il luogo d’incontro per le riunioni di club. Insieme, abbiamo organizzato una Convention di distretto che ha avuto molto successo, creando iniziative per sostenere programmi di aiuto a bambini ammalati di cancro e per bambini vittime di abusi. Siamo orgogliose di essere kiwaniane.»

Shoji Koike
Club Kiwanis di Nishinomiya, Giappone


Daniel

«Sono kiwaniano dal 2015. Nel 2019 ho deciso di aprire un nuovo club: il Kiwanis Tiaré Paita. Ho chiesto a mia madre Elaine se volesse unirsi a me in questa nuova avventura e ha accettato subito.»

Il primo anno da presidente ho proposto il progetto «Copertine del Cuore». Mia madre si è messa subito in contatto con varie nonne per lavorare a maglia e confezionare copertine per i bambini della Nuova Caledonia.

Sono veramente orgoglioso di mia madre e del fatto che sia socia Kiwanis. È stata una scelta naturale, visto che è sempre pronta ad aiutare chi ha bisogno ed adora i bambini. Parliamo spesso del Kiwanis anche al di fuori dei meeting e dei progetti, e lei cerca di partecipare sempre a tutti gli eventi.

«Abbiamo un bel rapporto e da che siamo soci dello stesso club e lavoriamo insieme per la stessa causa, siamo ancora più uniti».

Daniel Hinschberger
Club Kiwanis Tiaré Paita, Nuova Caledonia

 * Eliane Pomrenka, mamma di Daniel, dice «Sono davvero fiera di tutto ciò che fa Daniel con i soci, aiutando tanti bambini in tutto il mondo. Dà sempre il massimo, sfoggia sempre un gran sorriso ed è sempre pronto a lavorare su nuove iniziative. Sono così orgogliosa di lui.»


«Avendo bambini piccoli a casa non pensavo di poter riuscire a far parte del Kiwanis. Non potevo impegnarmi a dedicare varie ore ogni due settimane al volontariato.

Fin da quando ho memoria, mia mamma ha fatto parte dei club di service.

Purtroppo vent’anni fa ho lasciato il mio luogo di nascita e non credevo di poter partecipare alla passione di mia mamma. Poi però, quando mi ha detto che esistono i club online e che il Past Governatore di Distretto Kiwanis Serge F. Viau aveva deciso di aprirne uno, mi sono fatta coinvolgere immediatamente. Far parte di un club insieme a mamma ci ha permesso di essere parte di qualcosa di straordinario e di sentirci ancor più vicine nell’aiutare i bambini del mondo.»

Tracey Kinnonen
Club Kiwanis del North Eastern Ontario

* Tracey e sua mamma Janice Davis, del Club Kiwanis di Sault Ste. Marie, non sono le uniche volontarie Kiwanis della famiglia. La nuora di Janice, Angela Dawson, è presidente del Club Kiwanis di Sault Ste. Marie, e sua nipote Charlotte Aelick è socia del Club Kiwanis del North Eastern Ontario.


ROBERTSNEWCROP

«Da bambina, mia nonna mi diceva che quando mi sentivo un po’ giù di morale, per tirarmi su aiutava fare un gesto gentile per qualcuno. Lo stesso consiglio l’ho dato a mio figlio. Quando si è presentata l’incredibile opportunità di aiutare i bambini di Destiny Orphanage, un orfanotrofio in Uganda, e di fornirgli la loro prima biblioteca, c’è voluto poco a convincerci. Non so chi riceva il regalo più grande, chi fa service o chi lo riceve: in qualsiasi caso è una vittoria per tutti. Non dimenticherò mai lo sguardo sul volto di mio figlio e come rifletteva, quando ha visto i bambini di Destiny Orphanage che tenevano in mano i libri donati. Mio figlio ha imparato bene cosa doni gioia e soprattutto cosa no; ha anche imparato molto in materia di gratitudine. Trovo che quando i ragazzi imparano queste lezioni di vita in giovane età, cambiano per sempre la loro prospettiva. Imparano ad avere una mente aperta sul mondo in cui viviamo e il grande impatto positivo che ogni singolo individuo può avere. In qualità di genitori, possiamo provare ad insegnare queste lezioni di vita, ma è dimostrandole coi fatti che prendono vita. Il tempo passato a Destiny sarà sempre uno dei più bei ricordi che ho con mio figlio.»

Susan Roberts

*Da più di dieci anni Susan Roberts collabora con i kiwaniani di Missoula, Montana, per fornire materiali e bestiame alla Scuola ed Orfanotrofio Destiny in Uganda. Suo figlio Matt, ex-allievo del Key Club, l’ha accompagnata in due viaggi in Uganda all’orfanotrofio e riferisce: «Nonostante la mia giovane età, mi ha permesso di unirmi alla squadra e di fare la differenza, non me lo dimenticherò mai. Fare service insieme a mia mamma mi ha insegnato ad essere umile, riconoscente, motivato, a prendere decisioni, avere cuore e come un piccolo gesto possa cambiare la vita di qualcuno. Mia mamma è unica quando si tratta di fare service, dà sempre precedenza alle necessità altrui, è un vero modello da seguire.»


Veronique Girard

«Faccio parte del Kiwanis dal 2005 e sono socia dello stesso club dei miei genitori. Ne siamo i soci fondatori.»

È una bellissima esperienza essere socia nello stesso club di mia mamma. Sono stata presidente di club all’età di soli 24 anni. Avere mia mamma accanto a me è stata una fortuna perché sapevo di poter contare sul suo aiuto.

Secondo me ci completiamo l’un l’altra. Io mi dedico di più all’aspetto relativo a informatica e comunicazioni del club, mia mamma invece si dedica alle varie attività: cucire lo striscione, gestire le donazioni di abbigliamento, preparare dolci, torte e altri piatti per le raccolte fondi, ecc.

Passiamo tanti bei momenti insieme durante i progetti di service e le raccolte fondi. Mia mamma è sempre disponibile quando ho bisogno di lei. Grazie al Kiwanis abbiamo conosciuto tante persone meravigliose e fatto bei viaggi insieme.

Ho voluto ringraziare mamma, per tutto quello che fa per me, regalandole una medaglia Zeller Festa della Mamma [del Progetto Eliminate]. Le ho dato un riconoscimento e allo stesso tempo ho salvato la vita di tante persone.»

Véronique Girard
Club Kiwanis Ralia Koumac, Nuova Caledonia


McClarys

«Sono vent’anni che faccio parte del Kiwanis inisieme a mia figlia! Che benedizione fare volontariato insieme a lei per tutti questi anni nella famiglia Kiwanis. Sento che la nostra esperienza dia all’espressione «famiglia Kiwanis» un nuovo significato. È come se Victoria avesse fatto da sponsor a me nel diventare socia Kiwanis, visto che sono diventata socia per poter iniziare un club K-Kids per lei; allo stesso tempo ho imparato moltissimo sul volontariato grazie a lei. Victoria è stata presidente fondatrice di K-Kids, Builders Club e Key Club e passo dopo passo io le ho fatto da consigliera. Dopo aver completato l’anno di service come governatore di Key Club, è passata al ruolo di luogotenente governatore del Circle K.  Quando poi sono diventata governatore Kiwanis, lei era tra i miei ventiquattro luogotenenti governatori e quell’esperienza mi ha toccato da vicino. Victoria conserva con orgoglio il tesserino da socia K-Kids, e ha lo stesso numero Kiwanis di quando è entrata nei K-Kids! Collaboriamo su tanti progetti, anche sul Kiwanis Indiana Balloon Fest, cui ci dedichiamo fin dalla prima edizione otto anni fa. È un onore appartenere alla famiglia Kiwanis insieme ai membri della mia famiglia e allo stesso tempo servire il prossimo!»

Vanessa McClary
Club Kiwanis di South Central Indiana


«Appena compiuti i 18 anni mio figlio è entrato nel mio club Kiwanis di Pointe-à-Pitre, Guadeloupe. Mia figlia si era già iscritta due anni prima. Entrambi sono soci dalla fondazione del nuovo Internet Club Baie-Mahault, che ho creato nel 2016, e la maggior parte dei soci sono loro amici.

Mio figlio Bolaji è stato presidente dal 2017 al 2019. Mia figlia Ando era tesoriera e poi vice-segretaria. Oggi mia figlia è a Montreal, in Canada e mio figlio in Guyana. Il nostro club continua a svolgere incontri tramite internet ed i soci si trovano in Guadeloupe, Francia, Canada, Guyana, Madagascar e Martinica!

Nell’arco dei due anni in cui sono stata luogotenente governatore, i miei figli mi hanno aiutato con tutti i progetti. Anche quando non potevo partecipare alla riunione del mio club, andavano loro per me. Vanno anche alle riunioni di qualsiasi altro club della loro divisione, perché per loro quel che conta più di tutto è il Kiwanis, non il proprio club. Quando viaggiano si documentano per sapere se c’è una riunione di club sul posto e fanno a turno a partecipare.

Siamo affiatatissimi, ci sentiamo molto kiwaniani e l’esperienza Kiwanis ci ha unito ancora di più.»

Inès Marinho
Internet Club Kiwanis di Baie-Mahault, Guadeloupe


 

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...